Verso clásico Verso libre Prosa poética Relato
Perfil Mis poemas Mis comentarios Mis favoritos
Cerrar sesión

encontrados: 6, tiempo total: 0.004 segundos rss2

Aprendí de ti

Si mis versos, son versos
que te saben a mentiras,
dale salida a tu vida,
que ya no cabe con la mia.

Si crees en mi amor como falsa
dejame en el suspiro,
que de estos confundidos,
ya mi alma esta curada.

Si aún te queda la esperanza,
de querer estar conmigo,
has pisado en el olvido,
ya no quedan ni las brasas.

Te perdiste mi confianza,
al dudar de mi palabra,
jugaste con fuego,
te quedaste en la comparsa.

Tu duda fue mi amiga,
advirtiendome de ti,
tramposo infeliz, Jugaste,
pero aprendí de ti.

Aurora: Claudia Viviana Molina
24
15comentarios 101 lecturas versoclasico karma: 122

Il mondo all'interno dell'uomo... (Ensayo en Italiano)

Il mondo all'interno dell'uomo.

La nozione di progresso, allude a una particolare concezione della storia, secondo la quale implicita al divenire storico vi è una nota specifica di perfezionamento, di avanzamento verso gradi o stadi superiori, di trasformazione graduale e continua dal bene al meglio. Contiene quindi, ineliminabile, un elemento di speranza o di fede nel futuro: è perciò anche un modo positivo di intendere il tempo, che viene vissuto come dimensione necessaria ai fini della realizzazione del mondo e dell'uomo.

Gli esseri umani da un lato devono interagire continuamente con il mondo mutevole dell’immediato e, dall’altro grazie al processo straordinario di evoluzione del cervello, gli esseri umani possiedono anche un'attività nervosa indipendente dal sensorio immediato che e’ presente anche in assenza di movimenti e di comportamento. Questo stato di attività cerebrale senza azione può essere definita come attività mentale, cioè pensiero. Da qui la distinzione fra il mondo del pensiero interiore e immateriale e il mondo esterno e materiale. Il grandioso edificio della scienza umana, entro l’ottica illuminante dell’evoluzione biologica e culturale, rappresenta insomma un’attività spirituale par eccellence.

L’individuo, infatti, può essere esaminato da diversi punti di vista: come individuo, nel rapporto interattivo con gli altri o in rapporto agli schemi che intervengono per orientare se stesso nelle situazioni. Le innovazioni tecnico-produttive e le attività economiche non si sviluppano nel vuoto, ma nel pieno della vita, all’interno di culture, società e tradizioni, in sostanza nella storia. La vita cosiddetta materiale risveglia nei più un desiderio di ritrovare un senso della vita umana che sfugga al giornaliero. La cultura può essere vista come l’insieme delle identità interagenti all’interno di un gruppo, legate tra loro da interdipendenze in parte direttamente determinate. Ogni individuo nel suo agire opera secondo un'identità culturale che acquisisce, definisce, modifica e ridefinisce lungo tutta la sua esistenza.

La comparsa dell’uomo poi con tutte le sue unicità di pensiero, linguaggio e autocoscienza èpure riportata a misura di conoscenza umana. Si parla di un principio antropico per indicare proprio questa sensazione che la mente umana impronta di se persino le apparenti leggi naturali. In primo luogo l'uomo come creatura complessa, non solo e non tanto come qualsiasi essere vivente, ma anche e soprattutto perché ciò che lo caratterizza e distingue dal resto dei viventi, gli aspetti immateriali del pensiero e della coscienza, ha sostanzialmente il carattere della complessità.

Ma non solo l'uomo è complesso in sé, egli è anche creatore di complessità. Ogni sistema sociale e culturale ha in sé eminentemente la ricchezza e l'irripetibilità proprie della complessità. Si pensa, evitando di esagerare l’importanza della mente umana, che non sia uncaso che la mente trovi principi dell’universo che sono totalmente coerenti con la mente. L’identità sta a indicare l’incontro, l’interazione tra l’individuo e la sua cultura di riferimento, l’identità è un apparato simbolico, operativo, regolativo attraverso il quale l’individuo si orienta all’azione e sceglie tra più alternative possibili preservando la sua coerenza psichica e culturale in un determinato contesto culturale caratterizzato nel tempo e nello spazio.

La visione tradizionale e’ stata che il mondo della materia e’ cangiante, caduco limitato nel tempo e nello spazio, mentre il mondo spirituale e’ immateriale, e non limitato da spazio e tempo immutabile… il mondo è interrelato e interdipendente, ma non bisogna confondere questa dimensione planetaria con l’assunzione di modelli che privilegino solo il profitto come unica variabile del processo. Compito della società e della sociologia sarà quello di trovare un equilibrio di forze per evitare catastrofi ambientali e sociali; è necessario assumere consapevolmente il pericolo esistenziale insito nei nuovi orizzonti, il pensiero non deve coincidere con il calcolo della propria utilità individuale. Il mondo da un lato quello materiale cioè fatto di oggetti e fenomeni, e il mondo spirituale, cioè tutte le attività mentali, dall’altro, sono parte dello stesso universo a cui si può accedere solo mediante la mente pensante dell’uomo.

Tutte le definizioni proposte per la misura della complessità, se colgono correttamente alcuni aspetti dei sistemi complessi, ne perdono altri, e inoltre misure diverse applicate allo stesso oggetto (ad esempio un filamento di DNA) possono dare risultati anche molto differenti tra loro. A parte argomenti di critica tecnicamente specifici che esulano dai fini della presente trattazione, osserviamo che comunque il fatto che la biochimica del cervello sia governata dalle leggi non deterministiche della fisica quantistica o che la dinamica neuronale sottostante sia non lineare non implica necessariamente la libertà e la coscienza.

Tali aspetti, eminentemente umani, non sono causati dalla contingenza fisica, ma la precedono ontologicamente e la trascendono. Tuttavia, il fatto che non sia stato ancora stabilito un metodo univoco per la misura della complessità non significa che non se ne siano capiti aspetti importanti; d'altra parte è proprio una delle caratteristiche dei sistemi complessi quella di sfuggire alla predittività matematica, quindi perché stupirsi se la complessità stessa è così refrattaria a farsi rinchiudere nella gabbia di una definizione quantitativa?. Questa questione e’ quella di maggior difficoltà in quanto va a toccare processi profondi, e nascosti, all’introspezione. A proposito di questa rivoluzione si è parlato di caos, nonlinearità, olismo, frattali, catastrofi e altro ancora, ma il concetto che meglio racchiude ed esprime il carattere della nuova linea di pensiero è quello di complessità.

L’origine della coscienza personale rappresenta una delle maggiori sfide al sapere umano, la coscienza come un fenomeno intrinsecamente non riducibile, una proprietà emergente, che ha un carattere nuovo e ontologicamente differente rispetto ai costituenti del sistema. I due termini 'semplice' e 'complesso' si appoggiano l'uno sull'altro. Pensiamo il semplice come opposto al complesso, ma anche il complesso può essere pensato a partire dal semplice. Non esiste una valenza di neutralità: il non semplice è complesso e il non complesso semplice. Semmai si tratta di un confine mobile. Ciò che per me appare semplice per un altro può essere complesso, e anche la stessa persona può giudicare in due diversi momenti esistenziali lo stesso dato o insieme di dati ora come semplice, ora come complesso. La complessità è quella regione dove la parte analitica del pensiero si smarrisce. Per quei sistemi sufficientemente complessi da porsi sul confine tra ordine e disordine (sull'orlo del caos), l'autorganizzazione sorge spontaneamente e gratuitamente, e da lì in avanti innumerevoli potenziali percorsi si affacciano all'orizzonte dell'essere.

L'evoluzione, poi, orienterà le contingenze di queste storie, ma in nessun modo potrà influire sulla direzione di tale movimento, che punta verso la massima ricchezza, varietà, complessità. Il processo evolutivo non comprende solo l’aspetto fisico dell’essere umano, ma anche le sue attività mentali compreso il linguaggio, l’immaginazione, i sentimenti, compreso quelli religiosi. Pian piano, la scienza sta raggiungendo una unità di visione grazie alla coerenza fra molte vie di investigazioni. Sistemi la cui evoluzione è sostanzialmente non predicibile con i tradizionali strumenti matematici e che presentano fenomeni di emergenza di nuove proprietà e di organizzazione spontanea, gli stessi caratteri all'origine della vita.

E la cosa veramente notevole è che tali sistemi non sono peculiari di una o l'altra delle tradizionali divisioni tassonomiche della scienza (chimica organica, fisica dei solidi, biologia molecolare, etc.) ma si ritrovano, legati da forti analogie strutturali, nei campi più disparati: dalla cosmología, ai modelli sociali, dalla biologia alla meteorologia, solo per citarne alcuni.
Ci sembra di poter indicare due fronti di rilevanza antropologica della complessità: uno interno che riguarda l'uomo come ente intrinsecamente ed essenzialmente complesso, l'altro esterno che riguarda il mondo dell'uomo: quella realtà di relazioni sociali, economiche, produttive, culturali, che ha tutti i caratteri della complessità (tanto che è proprio in questo ambito che si hanno alcune delle applicazioni più interessanti della nuova scienza).

Invece gli sviluppi della nuova scienza hanno mostrato come la natura, dal livello dei costituenti elementari a quello dei sistemi biologici più strutturati fino alla rete delle relazioni sociali ed economiche umane, sia intrinsecamente e irriducibilmente complessa, cosicché ogni approssimazione che riporti la descrizione dei sistemi ad un modello con interazioni lineari e che separi una parte dal resto è destinata a mancare l'obiettivo di una corretta spiegazione dei fenomeni . Secondo gli antichi il bene, il giusto, il vero stanno nell'immutabilità: solo ciò che ha forma stabile e permanente è compiutamente realizzato; il tempo disturba e corrompe; ciò che vive nel tempo è destinato a perire.

Toutes les droites appartiennent à son auteur Il a été publié sur e-Stories.org par la demande de Joel Fortunato Reyes Pérez.
Publié sur e-Stories.org sur 04.08.2016.

Autor: Del texto y la imagen.
leer más   
4
4comentarios 58 lecturas relato karma: 79

No Te Esperaba

Sentimentalmente,
no te esperaba en mi frente.

Fue al levantar mi cabeza
que sentí de golpe
tu presencia latente.
Surgiste impensadamente
presentando tus discutas
por saluda…
Y sacudiéndome las dudas.
Pues por si no me enteraba
De comparsa las llevaba.

Particularmente,
me impresionaste al momento
y frenaste mi avanzada
con tu táctica entrenada
provocando convulsiones
que anularon de uno en uno
todos mis presentimientos.

Mientras la luna rondaba apagada
un impulso impenetrable
a las alturas me elevaba
y al llegar a tu estatura
apenas lograba
quedarme sostenida,
pensativa en tu presencia,
taciturna, suspendida,
y por sorpresa,
un coscorrón en la razón,
que desvarió mi corazón.

Imploré a todos mis dioses
y a recónditos temores;
A mi tonto escaso juicio,
ausente por vacaciones.
Mi conciencia y sus alarmas
me auxiliaron en mi falta…

Sólo sé,
que entre cantos de silbos
mi espíritu bailaba,
y si recuerdo,
puede que hasta Venus
desde el éter me nombrara.
leer más   
14
2comentarios 47 lecturas versolibre karma: 105

Adiós mis poetas

¡Piedad, corriente de los años!
Que el trueno y la comparsa
arrastran mis arrebatos.
Lúgubre la tumba de mi silencio;
mortajas de sonetos velarán
mis huesos hasta el amanecer
cuando la lluvia siembre cristales
sobre mi lápida de viejos arrabales.
¡No lloren, mis poetas amados!
Con hojas de viento
mi última inspiración he de escribirles;
dirá con música y arroyo de emociones:
“adiós mis cantores, el sueño
me vence pero no mi admiración
por la fuente de sus voces”.
La muerte es una sombra de cálida planicie;
no le temo, al igual que los gendarmes de la miseria,
que la esperan sembrando sueños
en tierras áridas de hambre.
Me iré desnuda, y con el alma altiva
después de vivir para la pluma,
y algunas alegrías.
Aspiro a ser inmortal
en aquel amor que nunca quiso
mi pobre ser apesadumbrado
por un roce de sus labios.
¡Adiós mis poetas!
La medrosa oscuridad me lleva.
No olviden que alguna vez por sus caminos crucé,
fui brisa en sus corazones
y luz en sus tinieblas.
Cuando la tarde llegue,
posen su mirada en lontananza;
allí pernoctaré custodiando su futuro de lauros y soles.
¡Adiós mis poetas!
Creced como las espigas al cielo.

Yaneth Hernández
Venezuela
leer más   
11
6comentarios 73 lecturas versolibre karma: 49

La caída hacia adentro

La brutalidad de mis padres
que por amor
queriendo enderezar
lo que para ellos estaba torcido
lo que hacían en realidad era quebrarme
en algo que en el fondo no era yo
trato de encajar en lo de su molde
máscaras, poses por todas partes
sólo por complacer
y yo, migrando hacia mi mismo
como en una caída.
Una soledad como un océano
y un punto como la isla que soy.
¡¡Nadie me conoce!!
y aún sigue la comparsa.-

@ChaneGarcia
...
leer más   
19
6comentarios 127 lecturas versolibre karma: 108

Consumición

Me consumo lentamente en el silencio de los días
como un fuego que se extingue
o arroyo que se seca
me apago, me evaporo.

El combustible de mi voluntad se ha acabado
intentar la vida no sirve.
Me consumo.
No puedo más.
Me destrozan las fauces de la bestia: el mundo.
Mi virtud es burla de protervos.
Nada de lo que diga importa: no entenderán,
nadie entiende lo que no le interesa.
Yo enmudezco.
Me anulo.

Soy la flor en el basurero,
lo que queda en pie ante la ruina.
El grito ahogado en la fiesta de la humanidad
único rostro desfilando en la comparsa
sin máscara,
la cara triste que difiere de la alegría acartonada de la vida.

Mostré a todos la mueca del dolor
entonces fui expulsada de su falso paraíso.
Y me consumo.


Heclist Blanco
4
sin comentarios 38 lecturas versolibre karma: 55